PASTE DI CREMA BRUCIATA

PASTE DI CREMA BRUCIATA

un dolce squisito da provare subito! More »

FOCACCINE FRITTE AL LARDO PROFUMATO

FOCACCINE FRITTE AL LARDO PROFUMATO

Fantastica idea per un antipasto o un aperitivo! More »

 

PASTA CON BOTTARGA, PESTO E GAMBERETTI

Non appena ho imparato a fare il pesto da sola ho subito deciso di preparare uno dei miei primi piatti favoriti. La pasta
con la bottarga, pesto e gamberetti! Naturalmente ho invitato a pranzo zia Giorgina per farle vedere di cosa sono stata capace!
Lei, carina come al solito mi ha fatto i complimenti ed ha apprezzato. Secondo me se la rideva sotto i baffi perché in
effetti sembrava proprio che avessi scoperto l’acqua calda! La prossima volta affronterò il purè di patate… questo sconosciuto!
Un giorno vi dirò anche perché a volte mi perdo in un bicchier d’acqua!

DIFFICOLTA’: ***
PREPARAZIONE: 15 minuti
COTTURA: circa 10 minuti

PASTA BOTTARGA, PESTO E GAMBERETTI

INGREDIENTI per 4 persone:

300g di pasta a vostra scelta
Pesto (clicca qui per la RICETTA!)
400g di gamberi sgusciati
200g di bottarga di muggine grattuggiata (fresca o in barattolo)
½ bicchiere di vino bianco
Olio d’oliva
Sale q. b.
PREPARAZIONE:
Preparate del pesto (RICETTA)

Saltate i gamberi in padella con un po’ d’olio d’oliva fino a che diventano appena dorati.
Versate il vino, fatelo evaporare e aggiungete il sale.
Versate il pesto nella padella aggiungendo un po’ d’acqua di cottura, unite metà quantità di bottarga e mescolate
fino ad ottenere una crema omogenea.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente, conditela con il sugo ottenuto.
Spolverate la restante bottarga su ogni piatto.

E… BON APPETIT!!

PESTO ALLA GENOVESE

Zia Giorgina è semplicemente inorridita quando le ho confessato che il pesto lo conoscevo solo in barattolo! Così come per il purè di patate, pensavo che farlo in casa fosse così difficile, lungo e complicato da non pensarci neanche.
Invece l’altro giorno le sono piombata in casa e l’ho trovata che cercava il mortaio di nonna. Oggetto vintage usato da me come vaso…
Mentre parlavamo armeggiava con alcuni ingredienti ma io non facevo caso a cosa stesse facendo perché ero più interessata alla conversazione… Comunque, dopo pochissimo esclama : “Ecco fatto, il pesto
è pronto!”
“Il pesto?” le chiesi stupita?
Vi risparmio i suoi commenti sulla mia ignoranza e invece vi fornisco la semplicissima ricetta del pesto che ho provato anche a fare, devo dire con ottimi risultati!

DIFFICOLTA’: **
PREPARAZIONE: 15 minuti

Pesto alla Genovese – ricetta originale
100 gr. foglie di basilico
40 gr. pinoli
100 gr. parmigiano grattugiato (o grana padano)
20 gr. pecorino sardo
100 gr. olio extravergine d’oliva
1 o 2 spicchi di aglio
6 gr sale grosso marino

Innanzi tutto bisogna procurarsi un bel mortaio di marmo col pestello (che se non si ha in casa si può trovare nei negozi di casalinghi oppure on line anche su Santo Amazon!).

Fatto questo, mettete nel mortaio l’aglio, il sale e le foglie di basilico lavate ed asciugate. Schiacciate e pestate le foglie sulle pareti del mortaio

e non sul fondo, amalgamando in senso rotatorio, lentamente e dolcemente.

Dopo il basilico mettete i pinoli e i formaggi e infine aggiungete, goccia a goccia, l’olio.

Questo è tutto! Facile vero? Allora Bon appetit!

CONSIGLIO AGGIUNTIVO DI ZIA GIANNINA: Per conservarlo versatelo nei vasetti e lasciatelo riposare per un paio d’ore con l’imboccatura aperta,
coperta con un foglio di carta oleata. Quando l’olio sarà salito in superficie, isolando il pesto dall’aria,
chiudete energicamente, se è il caso aggiungete prima ancora un po’ olio.

BABA’ AL RUM… EXTRA LARGE ED EXTRA GOLOSO!

DIFFICOLTA’: ***
PREPARAZIONE: 3 ORE CIRCA
COTTURA:30 MINUTI

Zia Giorgina è intenta a fare le frittelle di carnevale, quelle lunghe coperte di zucchero ma nel frattempo, in attesa di avere la sua ricetta, vi voglio proporre un evergreen della cucina napoletana. Un bel babà che lei sa preparare divinamente! Vediamo come fare… Proviamolo insieme e fotografiamo il risultato!

INGREDIENTI per 15 persone:
440 gr farina 0
6 uova
22 g lievito di birra
60 gr zucchero
150 g burro
un pizzico di sale
Per la bagna:
1 litro d’ acqua
400 g zucchero
la buccia di 2 limoni
250 gr di rum
Per decorare: panna montata e ciliegie candite

PROCEDIMENTO:
Impastare il lievito di birra con 2 cucchiai di acqua, 50 gr di farina e 2 cucchiaini di
zucchero e lasciar lievitare finché non è raddoppiato di volume.
Intanto preparare la bagna facendo bollire per quindici minuti l’acqua con lo zucchero e la buccia di 2 limoni.
Appena si è raffreddata aggiungere del rum a piacere senza tentare di “ubriacare” gli ospiti!

Appena l’impasto con il lievito è pronto, travasatelo in una terrina e aggiungete la farina, lo zucchero e le uova intere.
Impastarlo per far amalgamare gli ingredienti e aggiungere il burro morbido più un pizzico di sale.
Lavorate con uno sbattitore a fruste per una trentina di minuti a media velocità finché l’impasto non sarà abbastanza elastico.
Coprire con un telo da cucina e aspettare lasciandolo riposare fino a che non avrà raddoppiato il suo volume. Appena pronto, versarlo
in uno stampo imburrato, come quello per il budino per esempio e farlo lievitare di nuovo fino a quando non avrà raggiunto l’orlo.
Riscaldare il forno a 180° (non ventilato). Appena terminata la lievitazione infornare nella parte bassa del forno. Quando il babà sarà
diventato bruno e dorato è pronto. Togliere dal forno e far raffreddare.

A questo punto inzupparlo nella bagna intiepidita senza toglierlo dallo stampo. Sarà sufficiente bucherellare la parte superiore.
Versare lo sciroppo lentamente fino a che non sarà completamente assorbito.
Dopo circa due ore si può guarnire con crema, panna e ciliegine. Servirlo tagliato a fette e spruzzare con del rum.
IL CONSIGLIO DI ZIA GIANNINA
Zia Giannina suggerisce, se si vogliono fare dei piccoli babà, di formare delle palline con l’impasto e riempire gli stampini per un terzo.
e di farli lievitare fino a quando non si forma la cupoletta. Poi infornare per circa 20 minuti e, una volta cotti,
immergerli nella bagna e strizzarli leggermente. Accompagnateli con crema o panna.

A questo punto… bon appetit! Fatemi sapere com’è andata!